mercoledì 23 luglio 2014

Debian su Promox all'interno di Virtualbox

Prima di passare ad una macchina vera (un bare metal da 16 Giga di ram e 4 processori) ho voluto provare Proxmox su VirtualBox (su un MacBook con 8 Giga di Ram installati)

Le specifiche per Virtualbox sono
1) mettere la scheda virtuale in bridge
2) massimizzare la ram alla macchina virtuale Proxmox
3) massimizzare i processori alla macchina virtuale
4) fregarsene del video ovvero impostazioni minime

A questo punto si lancia l'installazione che inizia con l'EULA

installazione del sistema

Alla fine dell'installazione la macchina e' raggingibile in https sulla porta 8006
ma ovviamente si ha anche un accesso di shell

A questo punto punto si puo' iniziare a montare una nuova macchina virutale con il pulsante Create VM




Si sceglie il nome della VM e viene attribuito un ID univoco (in questo caso 100)

Si installa una Debian e quindi si sceglie il tipo di OS corrispondente

Si sceglie il tipo di disco virtuale

Si sceglie quanta memoria dedicare alla VM. La cosa molto carina e' che si puo' anche scegliere una impostazione dinamica con un valore minimo ed uno massimo

Si configura la rete virtuale
La VM e' creata ma vuota



A questo punto si deve copiare sul server il file .iso con l'immagine del disco di installazione (si puo' usare anche il cdrom fisico nel caso sia disposibile. Le immagini sono contenute in local/proxmox

Ora si associa l'immagine appena caricata alla VM Debian

E' tempo di installare Debian. Si fa partire la VM selezionando Debian e premendo Start. Si vedono i messaggi scorrere in fondo allo schermo ma per avere la visione dello schermo si preme il pulsante Console
(si basa su VNC e necessita dei permessi di Java per essere visualizzata nel web browser)


Al termine si ha la VM installata, si riavvia e tutto funziona come un server reale